12/02/19

FESTA DI SAN SABINO DA CANOSA 9 FEBBRAIO 2019

                                                              Cattedrale di San Sabino

Sabino di Canosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigationJump to search
San Sabino di Canosa
S. Sabino.JPG
Statua di San Sabino a Canosa di Puglia
Vescovo
Nascita461
MorteCanosa di Puglia 9 febbraio566?
Venerato daChiesa cattolica
Santuario principaleCattedrale di San Sabino, Canosa di Puglia
Ricorrenza9 febbraio1º agosto
Patrono diTorremaggioreBariCanosa di Puglia
Sabino, o Savino (Savinus in latino) (461 – 9 febbraio 566), venerato come santo dalla Chiesa cattolica, fu vescovo di Canosa dal 514.

Biografia

Visse tra la fine del secolo V e la metà del VI, immediatamente dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente e fu inviato come legato pontificio a Costantinopoli per due volte, nel 525 e nel 536, sotto il papato rispettivamente di Giovanni I e Agapito, che perse la vita in quel viaggio.
Nel 531 (sotto il papato di Bonifacio II) partecipò al Sinodo romano.
Costruttore di chiese ed edifici, seguendo la disciplina benedettina dell'Ora et labora, dopo circa 52 anni di episcopato, Sabino morì il 9 febbraio del 566.

Il culto

Amico di Benedetto da Norcia, al quale espresse le preoccupazioni sulla discesa del re ostrogoto Totila nella penisola italica, secondo la leggenda agiografica riuscì a salvare Canosa di Puglia dalla minaccia di quest'ultimo. Si narra infatti che Totila volle testare le doti profetiche del vescovo (548), ormai vecchio e cieco. L'invasore, spacciandosi per servitore, gli offrì un calice di vino, ma Sabino non si fece trarre in inganno, impressionando Totila che rinunciò al saccheggio.
Non fu l'unico "evento mistico" del vescovo Sabino: un'altra leggenda narra che un geloso arcidiacono tentò di avvelenarlo: egli bevve l'intruglio, ma non morì; a perire fu infatti il prelato che aveva attentato alla vita del santo. Perciò la liturgia lo raffigura come protettore dai veleni.
In tarda età fu ammalato di fegato e si rifugiò a Montemilone, provincia di Potenza per bere l'acqua della fonte.
La salma fu traslata nell'attuale Cattedrale di Canosa il 1º agosto di un anno imprecisato dell'VIII secolo dal vescovo Pietro.
San Sabino è venerato a CanosaBari (a cui sono dedicate le rispettive cattedrali), TorremaggioreFurci e Montemilone

In occasione della solenne processione per le vie cittadine, ha partecipato un contingente
della sezione ANPS di Canosa capeggiato dal Vice presidente Filippo Bonasia unitamente
a personale del locale Commissariato di Polizia diretto dal Dirigente Dr.Raffaele FIANTANESE.





Presidente Paolo Zingarelli

18/01/19

UN'OPERA SULLA MISERICORDIA DONATA A PAPA FRANCESCO DALL'ANPS NAZIONALE E REALIZZATA DAL SOCIO SOSTENITORE DELLA SEZIONE ANPS DI CANOSA DI PUGLIA PROF. GIUSEPPE MARCHIONE

Giorno 16 gennaio 2019 un contingente di questa sezione ANPS, capeggiato dal presidente Paolo Zingarelli, si è recato a Roma all'udienza papale del mercoledì per fare dono al Santo Padre di un quadro realizzato dal nostro socio sostenitore Prof.Giuseppe Marchione in occasione del giubileo della misericordia. Alla cerimonia, svoltasi nella Sala Nervi, hanno partecipato il presidente nazionale Dr.Claudio Savarese e il segretario generale Michele Paternoster. Nella foto vediamo il professore
mentre spiega al Santo Padre il tema del quadro attorniato dalle altre autorità vaticane. Il Santo Padre Francesco ha avuto parole di lode e ringraziamento per tutta l'ANPS nazionale per la vicinanza dimostrata.


Carissimi amici, ecco il video e le foto dell' incontro con Papa Francesco insieme ai vertici nazionali dell'ANPS (Associazione Nazionale della Polizia di Stato) e ad una delegazione della sezione di Canosa di Puglia di cui faccio onorevolmente parte. Durante l'udienza in sala Nervi, abbiamo donato al Santo Padre la mia opera sulla Misericordia che ho presentato con grande gioia ed emozione. È stata un'esperienza bellissima che rimarrà per sempre indelebile nel mio cuore e nella mia mente.
Grazie Papa Francesco.
Si ringraziano per la realizzazione dell'evento: il Presidente nazionale dell'ANPS dott. Claudio Savarese, il segretario generale Michele Paternoster, il Presidente della sez. ANPS di Canosa di Puglia cav. Paolo Zingarelli e il Presidente emerito Francesco Occhiogrosso.

Francesco Occhiogrosso presidente emerito
Straordinario Giuseppe anche a me fa tanta emozione vedervi lì insieme a Papa Francesco al presidente nazionale dr.Claudio Savarese, al segretario generale Michele Paternoster e alla tua meravigliosa opera che generosamente hai voluto donare a Papa Francesco in onore di tutta l'ANPS nazionale ed in particolare della sezione ANPS di Canosa di Puglia il cui presidente Paolo Zingarelli e tutti i soci siamo onorati di averti come socio sostenitore e grati per la tua amorevole amicizia. Grazie Giuseppe dal profondo del cuore. Questo grande avvenimento rimarrà indelebile nella storia e negli annali della Sezione Nazionale della Polizia di Stato di Canosa di Puglia-

Paolo Zingarelli presidente sezione Canosa
 La Sezione ANPS di Canosa di Puglia, ha come socio una persona speciale il maestro Giuseppe Marchione. Caro amico mio Giuseppe, la tua opera sulla Misericordia e' meravigliosa. Un abbraccio

                            SERVIZIO FOTOGRAFICO













Presidente Paolo Zingarelli

20/12/18

SCAMBIO AUGURI NATALIZI 2018

Domenica 16 dicembre 2018 presso il "GIARDINO DEL MAGO" di Canosa di Puglia si sono
riuniti i soci ANPS delle sezioni di Canosa e Carignola e loro famiglie per lo scambio degli auguri natalizi  e per un pranzo conviviale organizzato dal presidente della sezione di Canosa Paolo Zingarelli.

Alle ore 11, presso la chiesa di San Giovanni ai Piani è stata officiata la S.Messa da parte del
Parroco cui hanno partecipato tutti i soci e loro familiari.

Non potevano mancare gli Zampognari incontrati per caso per le vie di Canosa da parte del
socio Giuseppe Murante:















PRESIDENTE PAOLO ZINGARELLI